mercoledì 11 dicembre 2013

Cambiare il paradigma

Mi sono svegliato, questa mattina, con un pensiero ampio ma distinto. Le risorse energetiche.

Quando si parla di ecologia, prima o poi esce fuori il discorso delle risorse: "Dobbiamo sfruttare meglio le risorse che abbiamo!". Questo che segue non vuole essere un attacco diretto agli ambientalisti. Ma solo perché l'attacco diretto arriverà appena avrò voglia di scriverlo.

Il mio pensiero è che non dovremmo affatto sfruttare le risorse. La concezione di sfruttamento, alla base, è deleteria e controproducente. Ciò che dovremmo fare, invece, è vivere in modo da non aver bisogno di sfruttare le risorse. Date un'occhiata a questo post, e fate pure qualche ricerca su internet (tuttavia il mio consiglio è di pensare con la vostra testa - la vostra, non quella del mercato).
Capirete presto che il fruttarismo è LA scelta ecologista. Capirete che il fruttarismo è LA via di perfetta integrazione con la natura. Integrazione, non sfruttamento.
Ricreando il nostro habitat, e aggiungendo abitazioni non invasive (ad esempio guardate questa!);
piantando i nostri alberi da frutto, in modo da avere cibo sano bello e fresco;
riciclando naturalmente i nostri scarti (urina, feci e scarti di frutta), aiutando i nostri alberi ad essere in salute e rigogliosi;
sostituendo le vecchie tecnologie della carta, con le nuove;
equipaggiandosi per ricavare quel po' di elettricità elettrica che ci "serve", dal sole;
sostituendo la nostra automobile con una piccola utilitaria ad aria compressa;
ci avvicineremo a quello che vuol dire "sostenibilità".

Secondo il mio pensiero, il creare automobili, pannelli fotovoltaici, cartamela e quant'altro, già vuol dire insostenibilità. Infatti credo che sostenibile è tutto ciò che non è superfluo. Ma, comunque, questo risulta essere il modo di vivere, tra i "moderni", meno impattante possibile!

Lasciamo petrolio, carbone, marmo, legno e terra dove la natura li ha voluti! E' sicuramente più saggia di noi, impariamo a fidarci di lei. La nostra vita migliora, se è in armonia con la vita degli altri (animali, piante e minerali). Facciamo un passo in avanti: cambiamo il paradigma.

Andrea

Nessun commento:

Posta un commento